NEWS

torna alle news

23-05-2017 - IL Festival di Cannes dedica il 70° compleanno ad Annarita Zambrano

Se da un lato la settima giornata del Festival di Cannes 2017 propone un’unica pellicola in Concorso, “Hikari”, dall’altro lato la manifestazione cinematografica al suo 70esimo compleanno decide di dedicare questo giorno, il 23 Maggio, ad Annarita Zambrano con “Dopo la guerra” per la sezione Un Certain Regard insieme al titolo francese “Jeunne Femme”.

Il Festival di Cannes 2017 propone un solo titolo per la sezione in Concorso
Festival di Cannes 2017 film Hikari

Solo un film per la sezione in Concorso il 23 Maggio alla 70esima edizione del Festival di Cannes. Alla scoperta dell’invisibile con “Hikari“: un viaggio a ritroso nella vita di uno scrittore appassionato del cinema per non vedenti e che ci porta in un mondo radiante non visibile agli occhi. Un film drammatico che vede la collaborazione di Francia e Giappone, per la regia di Naomi Kawase.

Prima il Grande Théatre Lumière per due volte nella stessa giornata poi il Soixantième Theatre presentano una storia commovente, quella di Misako che, non solo è tra i possibili vincitori della Palma d’Oro, ma è anche candidata per il Premio alla Migliore Attrice e al Miglior Attore, Premio della giuria e per il Premio al miglior regista.

Un Certain Regard al Festival di Cannes 2017 ospita l’opera della Zambrano
Festival di Cannes 2017 film Annarita ZambranoIl Debussy Theatre accoglie per due ore, in questa 70esima edizione del Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard il film della giovane regista italiana Annarita Zambrano “Dopo la guerra“, che insieme a “Fortunata” di Sergio Castellitto, anche lui presente in questa categoria, sono gli unici due film a rappresentare l’Italia nella 70esima edizione del Festival di Cannes.

Si tratta, quella della Zambrano, di una pellicola molto attesa non solo per l’eccezionale cast composto da attori come Giuseppe Battiston e Barbora Bobulova ma anche per il tema, molto attuale, che decide di trattare, quello del terrorismo.