NEWS

torna alle news

28-05-2018 - Ciak, si gira: il sistema cinema dell’Emilia-Romagna si presenta a Bruxelles

Ciak, si gira: il sistema cinema dell’Emilia-Romagna si presenta a Bruxelles
All’Istituto italiano di Cultura, nell'ambito di "Fare Cinema", l'assessore Mezzetti presenta il Fondo e il programma triennale per cinema e audiovisivo
Cinema, poltrone, spettatoriIl sistema cinema dell’Emilia-Romagna sarà tra i protagonisti delle Semaines du cinéma Italien, organizzate dal 22 maggio al 4 giugno, dall’Istituto italiano di Cultura di Bruxelles, che si svolgono nell’ambito di Fare Cinema, la nuova proposta dei ministeri degli Affari esteri e della Cultura per promuovere nel mondo la produzione cinematografica italiana, attraverso gli eventi degli Istituti Italiani di Cultura legati ai Consolati e alle Ambasciate.

Previsti incontri e proiezioni di film selezionati tra i migliori titoli dell’ultimo periodo. In programma due opere emiliano-romagnole, sostenute dal Fondo per l’Audiovisivo della Regione. Si tratta di Made in Italy, di Luciano Ligabue, in programma il 29 maggio, e Dopo la guerra, di Annarita Zambrano, che verrà proiettato il giorno dopo.

Il 29 maggio, prima della proiezione di Made in Italy, l’assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, presenterà il Fondo regionale e il nuovo programma triennale in materia di cinema e audiovisivo.

“Si tratta di una occasione molto interessante messa a punto dal Ministero- sottolinea l’assessore Mezzetti- che offre anche all’Emilia-Romagna l’opportunità di una vetrina internazionale per valorizzare e far conoscere le attività sostenute dal fondo regionale per l’audiovisivo”.

Il Fondo per l’Audiovisivo nel primo triennio di attività ha finanziato 93 progetti, tra lungometraggi, fiction, documentari, corti e serie web/tv, e sono stati concessi contributi per un totale di 4.268.515 euro. A gennaio è iniziato il secondo triennio 2018-2020 del programma cinema regionale.

Nel bilancio di quest’anno la Regione impegnerà per il cinema quasi 5 milioni di euro, di cui la metà destinati alla produzione.